News

Kenergia

Viewing posts tagged Kenergia

La “Green Water for Africa” a sostegno dello sviluppo agricolo marocchino

Comunicato Stampa

Kenergia in Marocco per irrigare campi tramite il solare
Casablanca, 9 Giugno 2016

Nella mattinata di ieri 8 Giugno 2016 i rappresentanti del gruppo Kenergia hanno firmato a Casablanca un complesso accordo con il Presidente della Federazione Marocchina delle Associazioni Professionisti dell’Irrigazione (FMAPI) per la costituzione di una nuova società dedicata all’utilizzo dell’energia solare a sostegno dello sviluppo della produzione agricola marocchina.      
La partnership unirà la pluriennale e diversificata esperienza del gruppo Kenergia nel solare con la quotidiana presenza sul mercato del maggior gruppo di professionisti del settore agricolo con lo scopo di ridurre i costi energetici e dell’acqua per lo sviluppo agricolo.               
La nuova Società che prenderà il nome di “Green Water for Africa – GWA” sarà posseduta per il 25% da Kenergia Morocco s.a.r.l., per il 25% da Solar Breeder Morocco s.a.r.l. e per il restante 50% da Salah Mortaqi in rappresentanza del settore agricolo locale.  

La nuova società rifletterà in primo luogo il mercato attuale del pompaggio solare marocchino offrendo soluzioni complete “chiavi in mano” comprese di analisi e trattamento d’acqua, sistema di irrigazione, sistema di monitoraggio da remoto e assistenza post vendita, al miglior rapporto qualità prezzo.

In parallelo saranno portati avanti investimenti in un quadro strategico più ampio e di area vasta volti alla valorizzazione di terreni marginali ed incolti situati al di sopra di importanti falde acquifere messi a disposizione dell’imprenditoria agricola locale ed internazionale. Nuovi terreni produttivi dotati, laddove fosse ritenuto utile, di impianti di conservazione dei prodotti, settore quest’ultimo, nel quale l’Italia è all’avanguardia nel mondo.    
L’intervento della GWA avrà un contenuto programmatico in linea con il “Plan Vert” marocchino la cui strategia trasversale di sviluppo del settore agricolo sostiene l’aumento della produzione, della produttività e della valorizzazione dei prodotti. 

“Ho molta fiducia – ha dichiarato l’ing. Giovanni Simoni Presidente di Kenergia – che il vero mercato del solare sia oggi quello indirizzato alla soluzione di problemi dei diversi comparti produttivi. Quello agricolo, in Marocco è ancora, contrariamente alla situazione Italiana ed Europea, il maggior settore dell’economia del Paese. Il solare è particolarmente adatto ed i primi dati in nostro possesso ci confermano le analisi dello scorso anno: con il solare si possono irrigare i campi con un costo di circa un terzo rispetto a quelli sostenuti oggi. Ma in molti casi, l’applicazione del fotovoltaico all’intero ciclo produttivo agricolo è l’unica soluzione possibile sia in termini tecnici sia per gli aspetti economici.”

“La nostra partnership – ha continuato Simoni– entra nel mercato con i massimi conoscitori della struttura e delle regole in un settore che, tradizionalmente in tutto il mondo è quello che più rappresenta le radici profonde di un paese”.

Kenergia:
Gruppo Kenergia fondato nel 2006 dall’Ing. Giovanni Simoni e come società di ingegneria specializzata nel settore del fotovoltaico. Inizialmente Kenergia si focalizza nella consulenza, progettazione e innovazione tecnologica, operando in qualità di owner engineer e di technical advisor per investitori e banche. Questo know-how ha permesso alla Società di sviluppare un sistema proprietario di controllo e monitoraggio degli impianti, avviando nel contempo attività di gestione e manutenzione. Oggi Kenergia continua ad essere un’eccellenza nel campo dell’ingegneria, della ricerca e dell’innovazione nel settore fotovoltaico.

Solar Breeder:
Solar Breeder Morocco S.a.r.l. è una nuova holding di diritto marocchino, il cui obiettivo è sviluppare e gestire un distretto industriale “green” in Marocco. Il progetto prevede una collaborazione tra PMI italiane e marocchine nel settore del fotovoltaico e dell’efficienza energetica, e creerà € 20 milioni di investimento e 250 posti di lavoro entro il 2020.

Decretati i vincitori del Concorso di Idee “Italian Green District”

Comunicato Stampa
11/05/2016 

Concluso il Concorso di Idee per la realizzazione
dell’Italian Green District in Morocco

Con la riunione finale del 9 maggio si è concluso il lavoro della Giuria del Concorso di Idee dedicato a giovani architetti italiani per la creazione di nuovo distretto industriale di imprese italiane in Marocco. L’IGD (l’Italiani Green District) fa parte del programma di investimento previsto dal progetto “Solar Breeder” ideato e gestito da Kenergia Srl e che prevede l’insediamento della filiera del solare fotovoltaico nazionale in un unico sito alimentato dalle stesse tecnologie che verranno prodotte in loco.

La Giuria molto qualificata costituita da l’ing. Gianni Silvestrini, ing. Gerardo Montanino, ing. Mauro Moroni, ing. Giovanni Simoni, Dott. Gilberto Gabrielli e l’arch. Sandra Simoni, ha selezionato tre proposte tra le tante ricevute.

“Abbiamo voluto, nel lanciare questo concorso di idee -ha dichiarato Giovanni Simoni Presidente di Kenergia- sollecitare la creatività dei giovani professionisti italiani nel suggerirci soluzioni adeguate alla complessità del progetto che dovrà integrare paesaggio locale con l’immagine del nostro Paese in un quadro di massima attenzione alla riduzione dei consumi energetici, alla produzione di energia solare in un contesto costruito e ad un’attenzione all’utilizzo di una risorsa preziosa come l’acqua. Oltre ai tre vincitori, abbiamo pensato di offrire a tutti coloro che hanno preso parte al concorso il libro di Gianni Silvestrini 2°C per condividere i motivi profondi dell’esistenza della nostra iniziativa”.

Cinque i principali criteri adottati per il giudizio:

a) Coerenza con le prerogative indicate negli indirizzi di progetto;

b) Scelte Formali e funzionali di progetto;

c) Originalità della soluzione;

d) Particolare attenzione al sistema del verde, di irrigazione e Pv Pumping;

e) Rappresentazione dell’idea progettuale;

Di seguito la graduatoria dei primi tre classificati. 

PRIMO CLASSIFICATO 

Capogruppo: Arch. Francesco Napolitano

Membri del Gruppo: Arch. Fabio Satriano, Arch. Michelangelo Sabuzi Giuliani, Arch. Claudia Scipioni, Arch. Alessandro Barile

Studio LAD

“L’ Italian Green District è inteso come un elemento di un più ampio tessuto, come una stringa dell’analisi di un codice DNA, che, soltanto quando è aggregata con tante altre costituisce un sistema compiuto. Gli elementi che costituiscono il suo codice sono gli edifici, il verde, i parcheggi, i sistemi fotovoltaici e i percorsi.” 

SECONDO CLASSIFICATO 

Capogruppo: Arch. Antonio Amendola

Membri del Gruppo: Arch. Elvira Cerratti, Dott.ssa Giuseppina Stornelli

“L’Italian Green District in Marocco nasce dalla volontà di creare un organismo ibrido, dove industria e spazio pubblico si fondono in un unicum multifunzionale. Il concept si dissocia dalle impostazioni standard adottate comunemente per le aree produttive, abbracciando un nuovo modello secondo il quale la fabbrica, pur mantenendo degli spazi indipendenti per la corretta esecuzione delle attività industriali, è inserita in un più ampio sistema architettonico di compenetrazione con il verde, gli orti ed i viali ad uso collettivo.” 

TERZO CLASSIFICATO 

Capogruppo: Ing. Casimiro Forte

Membri del Gruppo:  Ing. Luca Cabizzosu
Collaboratrice:  Luisa Melis

“L’Italian Green District: L’OASI URBANA. La definizione di uno spazio di lavoro che permetta all’azienda e ai suoi fruitori di trarre il massimo beneficio dalle situazioni di contesto, un’oasi all’interno della quale creare un’ambiente ideale in cui produrre innovazione. Dall’oasi è partita anche l’idea architettonica.”

Kenergia s.r.l., promotore del presente Concorso di Idee per conto di Solar Breeder Morocco, ringrazia tutti i partecipanti che hanno sposato il principio di diffusione della cultura della sostenibilità e dell’efficienza energetica.

Solare italiano in Marocco: al via l’accordo

COMUNICATO STAMPA

Casablanca 27 Novembre 2015

Nella giornata di ieri, 26 Novembre, l’Ing. Giovanni Simoni in rappresentanza della Solar Breeder Morocco s.a.r.l. (SBM, di cui Kenergia srl detiene il 70%), ha firmato un importante accordo di collaborazione con il gruppo marocchino ZINAFRIK che fa capo al noto imprenditore di Casablanca Samir Filali.
L’accordo prevede:
1. L’insediamento della filiera fotovoltaica italiana “costruita” da Kenergia nella “città verde” denominata “Logintek Casablanca” in corso di costruzione a SETTAT a circa 50 km da Casablanca;
2. La realizzazione, da parte di SBM di impianti fotovoltaici su tutti gli edifici della “città” per un totale di circa 15 MW;
3. La progettazione e l’adozione di tutte le misure di efficientamento energetico su tutte le utenze che verranno insediate (sia industriali, sia commerciali, sia di servizio e residenziali);
4. Le successive realizzazioni di simili misure su tutti gli altri insediamenti che il gruppo ZINAFRIK ha in programma di realizzare in Marocco nei prossimi anni per un totale di circa 120 MW di impianti fotovoltaici;
5. La partecipazione del gruppo ZINAFRIK in SBM che sottoscriverà il prossimo aumento di capital per 3,5 milioni di euro;
6. L’acquisto da parte di SBM di circa 24.000 m2 sul quale ZINAFRIK costruirà gli edifici industriali per le attività produttive della filiera Solar Breeder sulle specifiche che la stessa SBM fornirà entro il prossimo mese;
7. L’acquisto, da parte di SBM nell’area di Logintek Casablanca, di oltre 1.000 m2 dove verrano installati gli uffici delle società della filiera per le attività di ingegneria, di monitoraggio, ecc;
8. La creazione della nuova Logintek Energy Service (L.E.S.) con la partecipazione congiunta di ZINAFRIK al 60% e SBM al 40%, cui sarà affidato il compito di acquistare gli impianti fotovoltaici degli insediamenti Logintek (a cominciare da quello di Settat) e di vendere l’energia elettrica a tutti i “consumatori-clienti” dell’area (110 ha).

“Con questo accordo – ha dichiarato l’ing Simoni, CEO del gruppo Kenergia – diamo il via operativo all’insediamento della tecnologia fotovoltaica italiana in Marocco con un partner di prima grandezza che ha creduto nel progetto, lo ha sposato e ne condivide l’entusiasmo ed i rischi. Se aggiungiamo la precedente intesa con la SIE, SBM è riuscita, come nessun altro, a riunire il pubblico ed il privato del Paese, in un grande progetto strategico di lungo periodo”.

Il Signor Filali ha aggiunto: “ Il gruppo ZINAFRIK ha firmato una convenzione sul partenariato strategico a lungo termine con SBM composta di imprese italiane qualificate nel settore dell’energia elettrica per contribuire insieme a raggiungere l’obiettivo del Paese di raggiungere entro il 2020 una capacità installata del 42 % in energie rinnovabili, di cui il 14 % di fotovoltaico”.